lunedì 10 luglio 2017

Consigli BL non richiesti per tutti i gusti (?)

Vi propongo questo post macedonia (nello stile dei "consigli in supposte" di qualche tempo fa) per consigliare 3 titoli (e mezzo) di genere Boys'Love in base a quelli che potrebbero essere gli impulsi di lettura del momento. Spero che l'idea vi piaccia! ^_^
Se questa mattina vi siete alzati stufi delle solite minestre BL pucciose e state cercando qualcosa che vi turbi nell'anima e nel corpo, vi consiglio questa miniserie in 2 volumi di Nakamura Asumiko: The Inheritance of Aroma.
Il tratto unico di questa autrice si presta benissimo per questa torbida storia di incesto (ad un certo punto anche triplice °_°"). Due sono gli oggetti chiave di questo titolo: un profumo che si insinua, ammaliante, nella mente dei personaggi e del lettore, per poi impregnare del tutto le vittime di questa passione proibita, fino a soffocarli in una spirale di proibizione e senso di colpa, e una striscia di tessuto nero che protegge lo sguardo ipocrita dei protagonisti da quella verità già conosciuta e con cui alla fine si troveranno a fare i conti. (uellà)
Due fratelli, fisicamente e caratterialmente opposti ma ugualmente fragili: il maggiore sembra odiare anche soltanto la vista del minore che, di contro, ha sviluppato nei suoi confronti una devozione che nasconde qualcos'altro. Sebbene i due cerchino di trattenersi, un nipotino fin troppo perspicace agirà da diavoletto tentatore...

Ad essere sincera, non ho ancora ben capito se questa miniserie mi sia piaciuta o meno.
Analizzando dal principio la mia reazione a questa lettura, direi che non è il mio genere in partenza perchè non amo le storie di incesto, ma allo stesso tempo sono stata quasi ipnotizzata dal rapporto contorto tra i due protagonisti. Il tratto della Asumiko esercita questo effetto su di me!
L'unico elemento che gli fa perdere tantissimi punti è il personaggio del nipote, completamente irrealistico e fuori luogo, decisamente disturbante.
Consigliato se cercate una lettura che vi spiazzi e vi ipnotizzi allo stesso tempo. Che vi piaccia o meno è una questione estremamente personale. Mi limito ad avvertirvi che ci sono scene che potrebbero infastidirvi parecchio (se volete altri dettagli magari chiedete e ne parlo nei commenti).
Il finale penso fosse inevitabile, ma l'ho molto apprezzato!

Questa la metto grande giusto per farvi gustare la fantasia
della cravatta e del gilet!
Zompiamo in una direzione totalmente opposta adesso!
Cercate una lettura da cesso che vi regali momenti trash?
Forse Casino Lily, volume unico di Youka Nitta, può fare al caso vostro!
Casino Lily è il soprannome di un ragazzo giapponese che gira per i casinò del mondo seguendo sempre lo stesso stile: prima perde tutto e il giorno dopo rivince la somma perduta... per conto di qualcun altro! Il ragazzo infatti ha su di sè una vera e propria maledizione del gioco: vince soltanto quando gioca con i soldi altrui!
Il suo approccio al gioco cambierà quando incontrerà Anthony Monte Carlo (ora, con uno nome così non può essere altro che una lettura trash, o no?!), proprietario di casinò che sembra parecchio interessato a "Casino Lily".
In questa storia c'è tutto quello che un amante del trash raffinato e amante della Nitta desidera: premesse alquanto dubbie, ragionamenti inutilmente contorti e filosofici sulle più banali minchiate e pattern osceni di camicie e cravatte! I due protagonisti poi fanno anche una comparsata in Haru wo Daiteita e, in quelle poche pagine, riescono a convincere arrandom i due protagonisti a sposarsi. Se non è essere potenti questo...!
"Pronto? Parlo con la Buon Costume...? Avrei una denuncia
da fare"
Il prostagonista si sente male
per aver toccato una lavagna nera...
seems legit!
Se proprio siete dei trashoni recidivi, potreste provare, sempre della stessa autrice White Brand (anche se a differenza di Casino Lily, questo non riesce a intrattenere minimamente), una raccolta di racconti in cui abbiamo di tutto e di più: un tipo ossessionato dalle cose bianche per motivi inconsistenti che inizia a evitare il cugino che ci prova con lui perchè vagamente abbronzato (ma la mangaka lo disegna sempre bianco... vabbe'), un'altra one shot in cui il protagonista è fissato con la roba e le persone grandi (e la Nitta riesce miracolosamente a non fare doppi sensi, pur avendo su un vassoio d'argento un'occasione così ghiotta!), un'altra ancora parla di un figlio di collezionisti d'arte che legge nel pensiero perchèssì e giusto per scrupolo di coscienza decide di vendicare l'omicidio dei suoi genitori, e poi un'appassionante storia su un attore di teatro che si fa prestare il nipote neonato dalla sorella per fare pratica per il suo ruolo (quello di una babysitter sterile wtf) ma fa schifo a prendersene cura, tanto da arrivare a maltrattarlo per farlo stare zitto, ma inspiegabilmente la cosa sembra... funzionare? No comment.
Dimenticavo che c'è anche una one shot su un apprendista americano di un artista giapponese che vorrebbe tanto essere giapponese. Vorrebbe essere internescional, ma il risultato è abbastanza ridicolo.

Non mi rest altro da dirvi se non... Buon disagio!

Dato che esistono anche lettori normali, con un gusto classico e che cercano storie belle e/o che non blocchino la crescita, non può mancare un consiglio che posso dare a cuor leggero senza temere denunce: il volume unico Tamayura di Ringo Yuki.
Un manga di ambientazione storica (Giappone degli anni '20) i cui protagonisti, amici d'infanzia, dopo una separazione di qualche anno, si incontrano nello stesso istituto e vengono a galla i sentimenti e le insicurezze passate. Continuamente divisi dal destino e dalle scelte imposte dalle loro famiglie, i due sembrano destinati a non vivere mai una vita libera seguendo la loro volontà, fino a quando una catastrofe non li spingerà a prendere in mano le redini del loro futuro...
E' una bella storia, una di quelle che, nonostante non sia affatto innovativa, fa sempre piacere leggere. Alla fine non mancherà di emozionarvi almeno un po' con la sua conclusione dolce e malinconica allo stesso tempo.
Non avevo letto nulla di questa mangaka, ma mi ha fatto una buona impressione!
Anche il tratto mi piace molto... mi ha ricordato quello di Hidaka Shoko (di cui ho ancora letto pochissimo purtroppo) per il realismo, il tipo di espressività dei personaggi e l'atmosfera classica.
 

14 commenti:

  1. Mio marito mi ha appena chiesto perché io rida così sguaiatamente... :)))
    Gli ho letto il tuo articolo e ha riso anche lui, dichiarando "Fantastica!".
    Ovviamente non leggerò manco morto i trashoni/incestuosi (anche se mai dire mai...), ma leggere i tuoi articoli, oltre ad essere uno spasso quando sono così ironici, insegna molte cose e io sono sempre contento di imparare!
    Grazie mille, di cuore, per ciò che scrivi e per come lo scrivi.
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah grazie! Questi sì che sono commenti che fanno piacere <3
      La Nitta è diventata la mia nuova autrice preferita, sappiatelo u_u Corro sempre da lei non appena sento l'irrefrenabile sensazione di intrasharmi.
      Aroma non credo proprio possa piacerti, ma è talmente particolare e contorto che non riesco proprio a prevedere le reazioni di qualsivoglia lettore XD
      Tamayura invece penso possa piacerti almeno un po' ;)

      Grazie a te! E' sempre un piacere sentirti (e non solo perchè mi fai i complimenti, anche se quelli ovviamente sono sempre super apprezzati <3)!
      Adesso però devi regalare a tuo marito una cravatta stile Nitta! O magari un gilet! Sono all'ultimo grido :P

      A presto!

      Elimina
  2. Ottimi consigli!
    La Nitta mi ricorda tantissimo la Saito in versione yaoi, anche se dopo aver letto un po' delle sue opere, non 'gna faccio più. Voglio la collaborazione tra le due autrici, per creare il manga trash definitivo. (se si aggiunge Sakamoto, raggiungiamo l'apoteosi!)
    La Nakamura ha uno stile così riconoscibile, ma ammetto che dopo "compagni di classe" l'entusiasmo verso questa autrice è scemato, vedrò di recuperare l'opera che citi per ricredermi.
    C'è stato un periodo lontano lontano in cui ero aggiornatissimo su tutti gli yaoi che venivano pubblicati e li ho letti quasi tutti (in scan chiaramente) e ho visto cose che voi umani non credereste mai. La Nitta in confronto meriterebbe il premio Strega per la letteratura.

    A prestino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! :)
      Nuu povero Sakamoto! A me piace molto (anche se pure lui ha dei picchi trash x'D).

      Oddio, non so quanto ti convenga recuperare proprio Aroma se vuoi riconsiderare la Nakamura. Ti direi di provare con J no Subete, Copernicus (sul lato dark) o Anata no tame nara doko made mo (sul lato comico/leggero) ;)

      Con lo yaoi io mi tengo sempre in equilibrio, perché se mi concentro troppo su questo genere sono sicura che poi mi verrà a noia (ma lo faccio un po' con tutti i generi), quindi cerco di non strafare con nessuno XD

      A presto!

      Elimina
  3. Andiamo con ordine:

    The Inheritance of Aroma: non lo leggerei mai mai e poi mai....Odio a morte il tema dell'incesto ma c'è un MA...alla Asumiko non saprei dire di no. E' una brava narratrice e i suoi disegni sono da *sbav*. Quindi lo leggerei, anche se sicuramente a livello di trama ha sfornato cose migliori^^.

    Casino Lily: perchè mai un giapponese deve essere soprannonimato Casino Giglio? Ma soprattutto, quale mente contorta puo' dare come nome ANTHONY MONTE CARLO per un personaggio? Ok la Nitta regala trash soddisfazioni, non c'è che dire.

    Ci mancava pure White Brand , con lo schifo per le cose bianche....ma soprattutto mi dà da pensare il tizio ossessionato dalle COSE GRANDI XD ma leggo che la Nitta è riuscita a non cadere nel trash in questo senso, tanto di cappello (?).

    "Tamayura" mi ha lasciato freddina...Molto bella l'ambientazione e anche abbastanza inusuale per un BL , ma la storia non offre chissà quale nuove idee...Ad un certo punto l'ho finito a fatica. Ecco, della stessa autrice ho letto "Hatsukoi wa Gunjou ni Tokeru " ma idem, stesso risultato "freddo" con poca originalità. Pero' disegna davvero bene, su questo non ho nulla da dire.

    Baci baci e a presto!^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aroma: anche io l'ho letto più per il nome che per la trama xD

      Casino Lily: "giglio" perché ha la pelle chiara ed è gnocco, "casino" per i casinó ahaha trash su trash insomma

      White Brand: momento! Nel racconto sul tipo delle cose grandi ci cade eccome nel trash, solo che il tipo si innamora di una persona molto alta e non c'è nessuna battuta maliziosa lol

      Tamayura: capisco che intendi e in effetti sì, potrebbe fare questo effetto. A me è piaciuto, però capisco perché possa lasciare indifferenti ^^

      A prestoo <3

      Elimina
  4. La Nakamura, lo sai, è una delle mie autrice bl preferite; di contro, l'incesto non lo posso soffrire ><
    A questo manga avrò dato di sicuro un'occhiata ma la storia non me la ricordo per niente, con ogni probabilità lo avrò mollato non appena resami conto di cosa stavo leggendo. E sarà difficile che lo finirò mai.

    A me la Nitta piace ma... solo come autrice di HaruIta! XD Infatti le "opere" che citi non le ho mai lette e sinceramente non penso lo farò in tempi brevi.

    "Tamayura" invece mi ispira di più e, non conoscendolo, credo proprio che gli darò una possibilità.
    A presto! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh anche io di solito evito questo tema (tranne quando magari si tratta si "finti" incesti xD).

      Male male, questi volumi della nitta sono CA-PO-LA-VO-RI. xD

      Tamayura penso potrebbe piacerti :)

      A presto!

      Elimina
  5. Io adoro Asumiko Nakamura e in effetti con The Inheritance of Aroma ho un po' il tuo stesso atteggiamento: di base non sono per l'incest, ma se è la Nakamura a propormelo, con i suoi disegni e il suo saper creare delle atmosfere incredibilmente intriganti, nonostante siano venate di un che di morboso, non posso che lasciarmi conquistare.
    Nitta regina del trash ora e per sempre!!! XD
    Tamayura mi manca... lo terrò a mente....
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che la Nakamura torni a disegnare anche qualcosa di più soft, per rendermi contenta al 100% xD

      Quanto voglio bene alla Nitta ormai <3

      A presto!

      Elimina
  6. Opere come quella della Nitta mi ha fatto ricordare perchè ormai evito i boy's love (ne prendo sporadicamente qualcuno solo se ha qualche elemento che mi colpisce in modo particolare).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono a periodi e in questo ho avuto un ritorno di fiamma per il genere xD ma bisogna prendersi delle pause e cercare con attenzione, o si rischia di incappare in ciofeche una dopo l'altra @_@

      Elimina
  7. E niente... Non ne ho letto neppure uno... Vado a nascondermi nell'angolino ; - ; a parte gli scherzi, me li segno tutti, soprattutto i due della Nitta <3 sono morta dal ridere solo leggendo quello che hai scritto tu ahah, sarà divertente <3 l'ultimo non lo conosco ma sembra caruccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati! C'è così tanta scelta che è difficile che le letture combacino perfettamente XD

      La Nitta la devi leggere assolutamente! La adorerai ahaha

      Tamayura è caruccio <3 ottimo per riprendersi dal trash!

      Elimina