mercoledì 19 luglio 2017

Curiosando tra i Cortili del Cuore...

Oggi vi parlo di un manga che sicuramente conoscerete da più tempo e meglio di me!
Di Cortili del Cuore (Gokinjo Monogatari in originale) conoscevo l'anime anche se non lo guardavo assiduamente. Non ricordavo quasi nulla però, se non che c'entrasse la moda. Argomento che non mi ha mai entusiasmata, motivo per cui non mi ero mai interessata più di tanto a questo titolo.
Qualche tempo fa, per sbarazzarmi di Piece, una ragazza mi ha proposto questa serie (più qualche altro volumetto) in scambio e, pensando di fare un grosso favore a mia sorella, amante degli shoujo, ho accettato. Purtroppo lei non è ancora riuscita a leggerlo e a me quel manghino solo soletto sullo scaffale faceva pena, quindi mi sono detta che andava onorato lo scambio e l'ho letto io per prima. u_u
Anche perchè cercavo giusto qualcosa di leggero e frizzante da accompagnare a una raccolta di racconti di Akutagawa che non era proprio una botta di vita. °°"
Poi mi sembrava giusto leggere per intero qualcosa della famosa Ai Yazawa e colmare così qualche lacuna.

mercoledì 12 luglio 2017

No. 6: una storia promettente, ma...

Come ben sapete, arrivo sempre tardi quando si tratta di recuperare qualche titolo e il caso di No. 6 non è un'eccezione, dato che è uscito nel 2011 (e a me sembrava una serie di un paio di anni fa... come passa il tempo ç_ç).


No. 6 è un anime distopico con una componente shonen ai che gli ha conferito un po' di personalità in più. Ciò lo rende in un certo senso un predecessore di Yuri On Ice (per quella questione di "un anime non shonen ai con una coppia gay"), anche se, se proprio vogliamo essere fiscali, No. 6 è tratto da una serie di novel di 9 volume e ne è stato tratto anche un manga, a differenza di YOI che è una serie anime originale. Ma chiudiamo questa parentesi!

lunedì 10 luglio 2017

Consigli BL non richiesti per tutti i gusti (?)

Vi propongo questo post macedonia (nello stile dei "consigli in supposte" di qualche tempo fa) per consigliare 3 titoli (e mezzo) di genere Boys'Love in base a quelli che potrebbero essere gli impulsi di lettura del momento. Spero che l'idea vi piaccia! ^_^

giovedì 6 luglio 2017

La Crociata degli Innocenti - Usamaru Furuya

Dopo Genkaku Picasso, Happiness e Lo Squalificato ( di cui parlerò in seguito), torno a chiacchierare con voi di un altro manga di Usamaru Furuya! Avevo letto recensioni abbastanza tiepide su questo titolo e proprio per questo ho posticipato di un po' la sua lettura, ma alla fine ho ceduto, doppiamente incuriosita dal fatto che l'autore si fosse dedicato a un genere in cui non penso si fosse cimentato prima, ovvero il manga di ambientazione storica. La Crociata degli Innocenti (Innocents Shounen Juujigun) del titolo, infatti, fa riferimento alla "crociata dei bambini" del 1212. Come l'autore stesso scrive alla fine della serie, si discute ancora oggi su molti elementi legati a questa crociata, a partire dal concetto stesso di "bambino" nel Medioevo, dunque i fatti raccontati sono per buona parte romanzati e, con il suo manga, non ha tentato di raccontare precisamente questo fatto storico ma lo ha, più che altro, usato come spunto per sviluppare una sua storia.

venerdì 30 giugno 2017

Kono Danshi Series - i BL che non ti aspetti

Qualche anno fa mi sono trovata, non ricordo come, a guardare i primi due  (e gli unici fino a quel momento) titoli di quella che penso possa essere definita una serie di cortometraggi. Sono tutti diretti dalla regista Soubi Yamamoto, che stando a wiki si è occupata di giochi del genere dating sim a stampo boys'love.

Il primo corto della serie dura 26 minuti e si intitola Kono Danshi, uchu-jin to tatakaemasu (Questo ragazzo può combatterre gli alieni) e... parla proprio di questo. La Terra rischia un'invasione aliena e l'unico che sembra capace di opporre resistenza a queste creature è Kakashi, il ragazzino protagonista.
Kakashi vive in una casa costruita nella zona in cui atterrano gli alieni, in modo tale da poterli combattere immediatamente e limitare l'invasione. Con lui ci sono 2 impiegati che si occupano della faccenda. Il ragazzo però si sente molto solo, essendo lontano dalla famiglia e dai suoi amici, e teme che questi si siano dimenticati di lui. Lo teme al punto da aver paura di far riaggiustare il suo cellulare, perchè potrebbe scoprire di non aver ricevuto alcun messaggio...
Il corto rende bene l'idea dell'ansia da abbandono del protagonista secondo me, anche se resta l'episodio che mi convince meno, pur essendo carino. 


venerdì 23 giugno 2017

Fermi tutti, passa Una Ragazza alla Moda!

Non so in base a quale tara mentale, le storie puramente sentimentali ambientate nei tempi moderni mi dicono poco e niente (pur riconoscendo che ce ne sono di molto valide), ma basta ambientare la stessa storia minimo una 50ina di anni fa e per me assume tutto un altro fascino. Non a caso mi sono sparata le prime tre stagioni di Downton Abbey in vena, con grande shock di chi mi conosce bene, perchè "non era una cosa da me".
Tutto questo preambolo per giustificare la presenza di Una Ragazza alla Moda sui miei scaffali.

venerdì 16 giugno 2017

New York New York - La sagra della Tragedia

Mi sono sentita consigliare questa serie più e più volte da amanti di BL e non, essendo considerato uno dei capisaldi del genere. Purtroppo, essendo difficilissima da reperire nell'edizione italiana, ho dovuto ricorrere a delle scans spagnole, con il benestare di Jack Sparrow, ma ero stufa di aspettare nel miracolo della ristampa!



sabato 10 giugno 2017

I miei primi K-Drama: W e Rebel

Come sapete non sono una grandissima divoratrice di serie TV, nè americane nè asiatiche, però quando me le suggeriscono caldamente dopo un po' cedo anche io. Se in questa frase si sostituisce "caldamente" con "fangirleggiamente" nel primo caso e "con l'insistenza di un trapano sulle tempie" nel caso di Rebel, si ottiene un quadro più chiaro di come sia entrata in contatto con questo mondo a me sconosciuto, quello dei K-Drama.

lunedì 5 giugno 2017

Haru wo daiteita: Quando il manga incontra la telenovela

Quando si parla di Boys'Love, sicuramente Haru wo daiteita è uno dei titoli che vengono consigliati più spesso, un vero e proprio cult del genere. Pur subodorando la telenovela sottoforma di manga, mi sono comunque decisa a recuperare questa serie, scritta da Youka Nitta e composta da 14 volumi, più un sequel (Haru wo Daiteita Alive) ancora in corso di pubblicazione. In realtà ho conosciuto prima lo spin-off di animazione Fuyu no Semi, di cui adoro la storia anche se tecnicamente e a livello di scrittura ci sono degli strafalcioni.
Al momento ho letto la serie principale (che ha iniziato la serializzazione nel 1999) e circa un volume e mezzo di Alive (non so a che punto siano arrivati ad essere sincera, ma se qualcuno ha informazioni mi faccia sapere!).

lunedì 29 maggio 2017

Masurao: idiozia e testosterone allo sbando

Ringraziate che io abbia scelto questo titolo perchè sono una signorina a modo (menzogne!), perchè Masurao meriterebbe tanti di quei sottotitoli indegni che neanche le battute tristi del sabato sera, poi capirete perchè.

Questa serie la conoscevo già da tempo per sentito dire, ma non mi aveva mai interessata più di tanto. Ha suscitato il mio interesse solo quando ho scoperto che l'autore è niente poco di meno che Shin'ichi Sakamoto (Innocent, The Climber) e dato che è un mangaka che mi affascina molto, ho ben pensato di recuperare tutti i suoi manga editi in Italia.
In The Climber, Sakamoto ha maturato le sue doti artistiche, dimostrando di saper affrontare con abilità tecniche e con un approccio quasi poetico la rappresentazione di un uomo singolare, Buntaro Mori, scalatore solitario; in Innocent ci sta raccontando la storia moralmente ambigua e straziante di Charles Henri Sanson, boia di Parigi durante la Rivoluzione. Insomma, pare essere un autore che sforna titoli "pesanti", eppure... Andando indietro nel tempo, scopriamo gli altarini! E viene fuori un Sakamoto che si occupa di un'altra figura maschile tragica, quella di Takeshi Yamato: un ragazzo che... ce l'aveva troppo grosso. *musica drammatica in sottofondo*

lunedì 22 maggio 2017

Naruto: top & flop!

Un bel giorno mi sono detta, massì, è proprio il momento di cominciare qualche bello shonen-beautiful per tornare a sentirsi un giuovine virgulto e per avere giusto quel capitoletto al giorno o a settimana di avventure e mazzate. Il prescelto, in questo caso, è stato Naruto, manga di Masashi Kishimoto che ha riscosso un grande successo fin dal suo esordio su Shonen Jump nel 1999.
Morale della favola? Ho finito 72 volumi in circa due mesi, spronata anche dal poterlo commentare con diversi amici che lo avevano già letto o che lo stavano leggendo con me.
Trattandosi di una serie molto famosa, ho deciso di organizzare il post in modo più "chiacchiericcio" rispetto al solito, giusto per condividere qualche impressione con voi.
Inserisco giusto una trama molto generica per dare un'infarinatura generale a chi non conosce la serie neanche per sentito dire, sempre che quel qualcuno esista XD

martedì 16 maggio 2017

Coffee Shonen Manga Tag!

Dato che la versione Shoujo proposta da Claire vi era piaciuta, ho pensato di sfruttare il modello già usato per una edizione "all shonen" a cui siete invitati a rispondere, ovviamente :3
Come per gli shoujo, non sono espertissima del genere (non sono esperta in nessun genere in particolare, ma leggo un po' di tutto a caso, come avrete capito XD) ma mi ci muovo un po' meglio rispetto allo shoujo tradizionale forse. Trovare le risposte è stato comunque più difficile del previsto, perchè sul momento mi si annebbia il cervello :D
Andiamo al dunque!

sabato 13 maggio 2017

Black Museum: Springald e Ghost&Lady - Due notti al museo

E' la prima volta che provo qualcosa di Kazuhiro Fujita, meglio noto come l'autore di Ushio e Tora o Karakuri Circus. Molte sue serie mi hanno sempre incuriosita, ma essendo molto lunghe ho preferito puntare su qualcosa di meno autodistruttivo. XD

L'edizione italiana riprende il design di quella giapponese

lunedì 8 maggio 2017

The Climber: l'uomo solitario


"Le gru non ne sono coscienti,
ma è semplicemente il loro istinto a comandarle,
facendole puntare sempre in alto.
"

Questo The Climber potrebbe benissimo essere riassunto così: la storia d'amore tra un uomo e la montagna. E in effetti, la storia non offre nè trame nè sottotrame dalla complessità elevata. Per quanto il protagonista, Buntaro Mori, sia una persona fuori dal comune, questa serie non fa altro che raccontarci della vita di un essere umano. Non solo perchè si tratta della trasposizione di un romanzo biografico, ma perchè il personaggio-Buntaro è molto più vicino all'idea che ci si può fare di una persona, con tutti i suoi pregi e i suoi tanti difetti.
Quando facciamo la sua conoscenza, siamo ancora in uno shonen piuttosto tamarro; infatti The Climber è stato vittima, purtroppo, di un passaggio di mano che ne ha compromesso la parte iniziale. Prima di tutto, è un adattamento ambientato nel 2000 circa di un romanzo biografico scritto negli anni '70 da Jiro Nitta sullo scalatore solitario Buntaro Kato, morto giovane nella prima metà del '900. Non so quanto sia rimasto quindi della figura e del romanzo originali dato il cambiamento di ambientazione e i vari rimaneggiamenti. Lasciando da parte questa faccenda, il travaglio non finisce qui, perchè la sceneggiatura del primo volume è stata affidata a tale Yoshio Nabeta, affiancato nel volume 2 a Hiroshi Takano. Takano da solo, poi,  si è occupato della sceneggiatura del terzo e del quarto volume. Infine, dal quinto in poi Shin'ichi Sakamoto (addetto al disegno di The Climber fin dall'inizio) si è occupato sia dei disegni che della scenneggiatura.


martedì 2 maggio 2017

Coffee Shoujo Manga Tag!

Ciao a tutti! Oggi un post in cui voglio mettermi alla prova!
Ho scoperto questo tag tramite Claire di Dipendenza da Shoujo e, in originale, non era dedicato solo a questo genere. Claire lo ha giustamente adattato al suo blog e io pensavo di ampliare di nuovo il bacino da cui attingere. Poi però mi sono detta che...no! Voglio mettermi alla prova e rispondere soltanto con gli shoujo! +_+ Non nego che trovare tutte le risposte sia stato abbastanza difficile, ma una volta che mi sono ricordata di poter inserire anche titoli fantasy, è andata meglio XD
Ah, nel caso in cui ve lo stiate chiedendo...non mi piace molto il sapore del caffè, ma l'odore sì. **

giovedì 27 aprile 2017

Volumi da lacrimoni: Our Happy Hours e The Wedding Eve

Oggi vi consiglio due volumi unici diversi tra loro, ma accomunati da un approccio molto sensibile ai temi affrontati e dal fatto che potrebbero farvi inumidire i bulbi oculari.

Si inizia con quello più devastante, che ha commosso persino me, quindi una persona con la lacrima più facile potrebbe uscirne frignando come un vitellino abbandonato. Si tratta di Our Happy Hours (Watashitachi no Shiawase na Jikan), un adattamento manga di Yumeka Sumomo di un romanzo coreano di Gong-Ji Young. 
Fosse stato per me, penso che non avrei mai letto questo titolo, ma è uscito vincitore dal sondaggio fatto sul gruppo di lettura di Aocchan, su Facebook, e sebbene partissi parecchio prevenuta mi sono "costretta" a provare almeno il primo capitolo e...l'ho letto tutto di fila! Quindi ringrazio chi lo ha votato sul gruppo per avermelo fatto scoprire.
La mia perplessità derivava dalle premesse del titolo, che mi sembravano forzatamente traGGGiche. Il volume infatti racconta degli incontri tra Juri, una giovane ex pianista che ha tentato più volte il suicidio, e Yuu, un ragazzo condannato alla pena di morte per triplice omicidio.

venerdì 21 aprile 2017

Arion - un'americanata alla giapponese

In tutta sincerità, non so perchè avessi questo titolo in wishlist ma fatto sta che un giorno mi sono decisa a recuperarlo completamente alla cieca e, purtroppo, non posso dire di aver fatto i salti di gioia. Arion è un film anime del 1986 tratto dall'omonimo manga di Yoshikazu Yasuhiko, che si è anche occupato della scrittura e della regia della pellicola. Il manga è ancora inedito in Italia, ma sono state pubblicate altre opere di questo autore. Non ho una grande dimestichezza con il suo lavoro, dato che ho letto, ormai più di 5 anni fa, soltanto il volume unico dedicato alla figura di Alessandro Magno.
Questo film invece è reperibile in italiano grazie alla Yamato.

[Nota: ho lasciato il nome dei personaggi così come è stato adattato nel film, anche se non mi spiego perchè alcuni nomi siano stati "italianizzati" e altri no!]

giovedì 13 aprile 2017

Yu-gi-oh: The Dark side of Supercazzola

Yu-gi-oh - The Dark side of dimensions è un film uscito nel 2016 in Giappone e nel 2017 da noi...e...no vabbè, proprio non ci riesco a fare un post come tutti gli altri!
Nella seguente non-recensione ci saranno [SPOILER ABBESTIAH]

La locandina disegnata da Takahashi

venerdì 7 aprile 2017

Sword of the Stranger - una botta di action!

In preda a inveterati sensi di colpa verso la mia wishlist anime, ho deciso di sfoltirla un po' partendo da qualche lungometraggio! Il primo titolo che ho recuperato è un film del 2007 dello studio Bones: Sword of the Stranger.
 

sabato 1 aprile 2017

Un quartetto di one shot - Yokobaba Ryo

Ogni tanto ritorno a sorpresa con le suppostine! +_+
Insolito da parte mia, ma questo breve post è dedicato ad un'autrice di one shot shoujo a tema fantasy che ho scoperto casualmente girovagando su mangafox. Il suo nome è Yokobaba Ryo e, che io sappia, non ha all'attivo grandi lavori. Penso che non abbia pubblicato nemmeno volumi unici al momento, o almeno io non sono riuscita a trovarli. Inutile specificare che è inedita in Italia.

lunedì 27 marzo 2017

Est em - un'autrice da tenere d'occhio!

Il post di oggi sarà un po' una macedonia di titoli, accomunati dal fatto di essere stati tutti scritti e disegnati da Est em, un'autrice forse un po' di nicchia che ho scoperto solo di recente, nonostante conoscessi il suo nome da qualche tempo ormai.
Est em si dedica principalmente a storie brevi e raccolte di racconti, ma al momento ha in corso anche delle serie un po' più lunghe (come Golondrina e Ippo che non ho ancora avuto il piacere di leggere). Non ho ancora recuperato tutti i suoi lavori e mi sono dedicata solo ai suoi volumi unici e alle sue one shot. Avendo sentito parlare molto bene di questa autrice, ho nutrito fin da subito grandi aspettative e, salvo qualcosina, devo dire che fino ad ora non mi posso di certo definire delusa! 

giovedì 23 marzo 2017

Annarasumanara - la maledizione dell'asfalto


Si dice che in un parco dei divertimenti abbandonato viva un uomo un po' matto che si crede un vero mago e che quando lo si incontra chiede: "Do you believe in magic?"
Yoon Ai risponderà: "No".

sabato 18 marzo 2017

A questo cavaliere hanno tagliato la testa, quello che succede dopo ha dell'incredibile

Prima di tutto, ringrazio la mia amica Cate(💕) per aver suggerito un titolo degno delle peggiori pagine Facebook clickbait.
Avvertenze: il seguente post contiene un alto tasso di idiozia, non essendo una recensione. E' tutto quindi altalmente (s)oggettivo!

Ci sono quei momenti, nella vita, in cui sento la necessità di colmare alcune lacune (o riempire alcune lagune, come scrisse una volta un ex alunno di mia madre), soprattutto se si tratta di argomenti di cui non puoi non sapere assolutamente nulla dato che Internet pullula di meme e riferimenti e, quindi, se non sai almeno due informazioni messe in croce non riesci nemmeno a goderti le parodie. Così, spinta dalle migliori intenzioni di questo mondo, le stesse che mi animarono a recuperare quel grandissimo classico shoujo che è Hokuto no Ken, ho deciso di recuperare un grande classico del boys'love, ovvero: Un'armatura dischiusa tra i petali del cosmo per Seiya.

lunedì 13 marzo 2017

Yuri on Ice! - Amore sul ghiaccio

Arrivo molto in ritardo nel commentare questa serie, ma sono sempre stata indecisa se scrivere il mio parere o lasciar perdere, visto che se ne è parlato ovunque e in tutte le salse possibili XD Pensavo di fare un unico post con Kyoukai no Kanata, ma stava venendo fuori troppo lungo quindi, alla fine, questo titolo si è preso di prepotenza un post tutto per sè, contro ogni mia previsione!

venerdì 10 marzo 2017

Kyoukai no Kanata: una ragazzina a caccia di demoni

E' ormai da un paio di annetti che sono molto lenta nel recupero di serie anime e la cosa mi dispiace, anche perchè ho almeno una trentina di titoli segnati su MyAnimeList tra molto vecchi o recenti da recuperare ç_ç Ormai qualche mesetto fa così, su consiglio di un'amica, ho recuperato questo titolo di cui avevo sentito parlare ai tempi dell'uscita ma che non avevo tenuto molto in considerazione:

lunedì 6 marzo 2017

Ogni tanto guardo anche io dei telefilm: Eyewitness e Queer as Folk

Prima della la delusione di Vikings e quella di Penny Dreadful, ero riuscita a trovare due piccole serie niente male!

Phili (sx) e Lukas
Seguendo il suggerimento di Caroline, una delle mie spacciatrici di prim'ordine :P, ho recuperato la serie Eyewitness. Si tratta di un remake ammeregano del 2016 di una serie norvegese omonima del 2014 (è passato un po' troppo poco tempo per fare un remake o sbaglio? Si vede che in USA fare i sottotitoli non va proprio!). Sono 10 episodi totali di circa un'ora, 4 in più rispetto all'originale. Non avendo visto la versione norvegese però non so dirvi quante e quali differenze ci siano, ma a giudicare da qualche riassunto letto, gli eventi narrati dovrebbero essere più o meno quelli.
I testimoni a cui fa riferimento il titolo sono due ragazzi, Philip e Lukas che, imboscati in un capanno, si trovano ad assistere ad un omicidio. Il colpevole riesce a scappare e, da quel momento in poi, le vite dei due ragazzi saranno a rischio. La vicenda poliziesca è intrecciata con le vite personali dei personaggi principali, dato che i due non potranno rivelare per diversi episodi di essere stati testimoni del crimine perchè Lukas non vuole far sapere di essere gay, perchè ha una ragazza e teme di essere giudicato dal padre. Oltretutto, Philip è momentaneamente in affido allo sceriffo della cittadina, Helen Torrence, perchè sua madre è in fase di disintossicazione. 
La verità però verrà comunque a galla prima o poi...

giovedì 2 marzo 2017

Adventure and Trouble Diary

O meglio: quando mi dedico allo shoujo e pesco dal mazzo sbagliato XD
Adventure and Trouble Diary (o A Diary of Troublesome Adventures) è un manwha in 9 volumi di Yoo Ha Jin. Se il nome non vi è nuovo, forse il titolo BL Totally Captivated potrebbe far scattare qualcosa. Ebbene sì, è la stessa autrice! Ho letto questa serie praticamente spinta solo da questa motivazione, dato che Totally Captivated mi era piaciuto molto e anche il tratto dell'autrice non mi dispiaceva. Questa serie ("shoujo" al 100%- in coreano non si dice "shoujo", ma ho preferito usare questo termine per rendere più immediato il senso) invece è stata un po' come un giro sulle montagne russe...

sabato 25 febbraio 2017

Altri manga in piccole dosi, tra gotico, surreale e quotidiano

Eccomi qui con un altro mini-post su altre letture più brevi (o su cui ho trovato poco da dire per un post intero) che ho recuperato negli ultimi mesi :)

Ho finalmente letto qualcosa di Inio Asano e, contrariamente ad ogni mio progetto, non si è trattato di Solanin o altre serie edite in Italia. Una sera cercavo qualcosa di molto breve da leggere e sono incappata in due sue one shots: Bakemono no Recchan e Sayonara, Byebye!

martedì 21 febbraio 2017

Mini-Furuya: Happiness e Short Cuts

Eccomi qua con la mia dose di supposte (che arrivano quando meno te lo aspetti, come la regolarità dei miei post, ma fanno bene...forse). Oggi tutte a tema manga!

I due titoli di oggi sono dello stesso autore, Usamaru Furuya. Un mangaka che sto imparando a conoscere piano piano, perchè a volte troppo fuori dalle righe per i miei gusti, ma di cui amo molto il tratto e Genkaku Picasso. I titoli in questione sono: Happiness (volume unico) e i suoi Short Cuts.

sabato 18 febbraio 2017

Piece - Hinako Ashihara

Quando penso a questo manga, il mio primo commento è "che delusione!" 
Non avevo letto nulla di questa autrice, piuttosto famosa per La Clessidra, prima di leggere Piece, ma so che non sono la sola ad essere rimasta parecchio delusa da questo suo titolo.
Piece è uno shojo josei [EDIT: Caroline mi ha detto che si tratta di uno shojo, grazie per la correzione! Pensavo fosse uno josei per l'età dei personaggi] di 10 volumi (edito dalla Planet Manga) che parte da premesse molto intriganti: Mizuho Suga, una ragazza nella media molto chiusa e considerata "di ghiaccio", ritrova i suoi vecchi compagni
del liceo in un'occasione piuttosto spiacevole, ovvero il funerale di una loro ex compagna, tale Haruka Origuchi. La ragazza non è rimasta molto impressa nella mente dei suoi compagni per via del suo carattere molto timido e la stessa Mizuho stenta a ricordarla. Non c'è da meravigliarsi, quindi, che la protagonista resti piuttosto sorpresa quando la madre di Haruka la ringrazia per essere stata amica della figlia e le chiede di indagare sul suo passato. La donna infatti rivela a Mizuho che la figlia, ai tempi del liceo, aveva abortito. La donna incarica Mizuho di ritrovare l'ex fidanzato della figlia, nella speranza di ricostruire i pezzi mancanti nel passato di Haruka.
Ovviamente Mizuho è restia ad accettare, ma alla fine decide di iniziare le ricerche aiutata dal senpai Takashi Yanai, che ai tempi aveva una cotta per Haruka, e dall'amica Remi, una ragazzotta apparentemente molto superficiale. Personaggio chiave delle vicende sembra essere Hikaru Narumi, ragazzo fuori dagli schemi con un passato misterioso e molto particolare.
Attraverso le ricerche di Yanai e Mizuho, verranno fuori sentimenti, ricordi e storie passate che collegheranno i personaggi in modo inaspettato.

venerdì 17 febbraio 2017

Tour della Libreria parte 2 (di 2)




Continua (e finisce) il tour della mia libreria, con questo post dedicato agli scaffali dei romanzi. In realtà ho altre librerie in casa che contengono i romanzi di mia madre, ma a parte rubacchiarle qualcosa ogni tanto, ho sempre preferito scegliere da sola i libri da leggere. 
Grazie a (o per colpa di) Bookmooch, ho accumulato diversi libri che ancora non ho letto, quindi sì, la mia libreria e il mio ereader sono ancora strapieni di titoli che ho recuperato anche anni e anni fa ma che non ho ancora neanche sfogliato; complice il fatto che qualche annetto fa, dopo aver scoperto i manga, mi sono allontanata dai libri per un pochino e ho ricominciato a leggerli con maggiore frequenza solo da uno-due annetti, aprendomi a nuovi generi e autori. Paradossalmente penso che sia la parte dedicata i manga a rappresentare di più i miei gusti attuali, mentre la parte dei romanzi forse è più vicina ai miei gusti da ragazzina. Comunque...preparatevi a scoprire i miei turpi altarini °°" forse dopo aver scoperto che libri possiedo mi disconoscerete, quindi so di stare rischiando grosso LOL
Come nella prima parte, le foto sono brutte e storte.
A volte, per accorciare, non elencherò i libri secondo l'ordine dello scaffale, ma metterò alla fine della lista, tra parentesi quadre, quelli che devo ancora leggere.

mercoledì 15 febbraio 2017

Tour della libreria parte 1 (di 2)


Questo tipo di post (meme?) mi è sempre piaciuto e quindi ho pensato di riproporlo anche io qui sul blog! Spero vi piaccia e...magari mi date qualche dritta su come sistemare meglio LOL
Non tutti i titoli che ho sugli scaffali li ho letti...anzi ^^" accanto ai titoli letti metto un breve commentino, giusto un paio di paroline per non dilungarmi troppo, ma se c'è qualche titolo di cui vi piacerebbe sentire qualche parere più articolato e non ne ho ancora parlato sul blog, ditemi pure :)

Vi avverto che le foto saranno bruttine perchè io sono tappa e non so tenere fermo il cellulare per fare la foto, quindi scusate se ogni scatto sarà un piccolo colpo inferto al cuore di chi sa scattare fotografie dignitose ç_ç
Nella foto qui a sinistra, ecco una panoramica della libreria. La condivido con mia sorella e mescoliamo libri e fumetti senza troppi problemi, anche se alcuni titoli sono "più suoi che miei".
E' una normalissima libreria simil-ikea che abbotto di roba e cianfrusaglie. La scrivania sembra disordinata ma questo è il massimo che riesco a sistemare xD
Sotto ogni foto dei singoli scaffali metterò un elenco delle serie che contiene
 Dato che fare un post unico verrebbe troppo lungo, la parte di oggi è dedicata ai manga e la seconda sarà dedicata ai libri :)
(La cesta è dei nostri miciozzi :3)

lunedì 13 febbraio 2017

Il Dono del Lupo - Licantropi coi superpoteri

Oggi mi tocca una quasi stroncatura...ed una stroncatura che mi brucia parecchio. Sarà un post lunghetto per via di qualche divagazione, ma come sempre metterò un paragrafo riassuntivo alla fine ^_-

Il Dono del Lupo è un romanzo di Anne Rice (autrice di alcuni di quelli che sono i miei romanzi preferiti) pubblicato nel 2012 negli Stati Uniti e nel 2016 da noi. E' il primo di quella che si prospetta essere una serie, ma al momento conta solo due volumi e il secondo è ancora inedito da noi.

giovedì 9 febbraio 2017

Fumetti in supposte: Nimona e La fine dell'estate

Sì, "pillole" era troppo elegante.

Seguendo i molteplici suggerimenti di bloggers e amici, dopo tanto penare, sono riuscita a recuperare Nimona di Noelle Stevenson e pure leggermente scontato. L'attesa ha dato i suoi frutti dunque +_+


domenica 5 febbraio 2017

Anime e manga in supposte: Bus Gamer, Free, etc...

Un altro post di commenti random (vi avviso che ce ne saranno altri, quindi spero vi piacciano!), giusto per spettegolare di volumi unici, serie molto brevi e spin-off vari!

Partiamo con un titolo imbarazzante u///u
- Free! Starting Days: forse lo sapevate già viste le recensioni positive che gli ho riservato,
ma sì, sono fan di Free! E sì, sono una brutta persona :D
Starting Days è un film prequel ambientato ai tempi delle scuole medie, quindi i protagonisti saranno Haru e Makoto insieme ad altri due nuovi (vecchi?) personaggi con cui formeranno una squadra di nuoto alle scuole medie. Dei piccoli Nagisa e Rei avremo giusto un cameo a testa per farci prendere a schiaffi dalla loro pucciosità. Purtroppo, però, questo film non mi ha convinta molto. Prima di tutto perchè la situazione è già vista, essendo quasi una ripresa della prima stagione ma con altri personaggi e più giovani. Anche graficamente mi è sembrata calante, almeno in alcuni punti, rispetto all'anime, cosa strana. Ci sono delle sequenze in cui Haru e Makoto nuotano vestiti in piscina che secondo me sono proprio brutte; sembra che i vestiti non si bagnino, i movimenti sono totalmente innaturali e più che dei tizi infilati in acqua sembra che siano appiccicati su uno schermo con una piscina. Nello stesso frangente, le sequenze fuori sono rese molto meglio. Mah...
La giuoia BL fornita da questo film è che scopriamo che Makoto a 13 anni si è praticamente dichiarato ad Haru, gioia di mammina <3 (Sì è il mio preferito)
Il film tutto sommato resta gradevole ma dimenticabile, ma a questo punto tanto vale vederselo prima della serie? Non saprei...tra i vari titoli legati a Free penso sia quello meno riuscito. Peccato.
Ah e poi spiegatemi come cribbio facciano a toccare nella piscina olimpionica!!


giovedì 2 febbraio 2017

Aoi Bungaku - antologia letteraria

Eccoci qua con il primo post monotematico dopo tanto tempo! :)
Premetto che ho visto questa serie mesi fa e che i miei appunti per il post risalgono a quel periodo, ergo...probabilmente mi sono dimenticata alcuni dettagli (tipo nomi dei personaggi) e dovrei rivederla, ma non mi va di deprimermi altri 15 giorni. Insomma, non è una recensione professionale (come nessuna su questo blog). Grazie ad un gruppo Fb aperto da Aocchan in cui si era organizzato un gruppo di visione, conclusosi qualche giorno fa, mi è tornata voglia di parlarne. A proposito del gruppo, ecco il link, nel caso vogliate unirvi: Omoshiroi! . Non so quale sarà il prossimo titolo, ma nel caso di Aoi Bungaku abbiamo scelto per sondaggio.
Ora, chiudendo la premessa, andiamo alla ciccia!

martedì 31 gennaio 2017

Fuori dal Limbo e qualche commento sparso

Ciao a tutti! Sempre che sia rimasto qualcuno in giro ^^"
Finalmente anche questo periodo stressante, più che impegnativo, si è concluso e se tutto va bene e non salta fuori qualche sorpresa burocratica, posso considerare concluse le mie tribolazioni pre-laurea. Ora mi dovrebbe mancare solo la discussione della tesi e quindi posso tornare a circolare tra i vivi.
Prima di chiudermi nel mio eremo solitario, però, ho avuto modo di leggere e guardare diversi titoli di cui spero di potervi parlare un poco alla volta qui sul blog! Avevo pensato di fare anche un cambio grafica, ma non so se ho più la pazienza per smanettare XD

Non farò post dedicati a tutto ciò che ho recuperato quindi ne approfitto per qualche commentino sparso su film e serie che sto seguendo, ma non ho ancora concluso: