martedì 19 settembre 2017

La Musica di Marie: quanto costa un'utopia?

Quanto può costare un'utopia?
Molte letture appartenenti a questo genere, fin dai tempi di Gulliver's Travels, ci suggeriscono che vivere in perfetta armonia comporta delle rinunce che riguardano la propria individualità o la natura umana in generale. Dopotutto, anche la società stessa secondo molti è un compromesso. La Musica di Marie (Marie no Kanaderu Ongaku), non fa eccezione.


martedì 12 settembre 2017

Ultimi Raggi di Luna - Fantasme (?) con la sindrome della Crocerossina

Ebbene sì, sono lenta ma mantengo sempre le promesse! Avevo detto più volte che avrei letto Last Quarter (aka Ultimi raggi di Luna aka Kagen no Tsuki), miniserie scritta e disegnata dalla famosa Ai Yazawa, e quindi a mesi (forse anni?) di distanza dalla mia promessa... eccomi qui!

L'edizione deluxe della Planet manga
Rispetto alla produzione canonica dell'autrice, questa serie si pone come insolita in quanto presenta una forte componente sovrannaturale.
Last Quarter inizia con quella che potrebbe essere una storia d'amore in erba, nata da un'attrazione inaspettata ma ineluttabile tra Mizuki, una ragazza scappata di casa perchè stufa della sua situazione familiare e dei continui tradimenti del fidanzato, e Adam, un misterioso ragazzo straniero che Mizuki incontra la notte della sua fuga, mentre questi è intento a cantare una canzone malinconca al chiaro di luna, accompagnato dalla sua chitarra.
Sembra quasi che il loro incontro sia voluto dal fato, ma Adam nasconde dei segreti e la loro attrazione reciproca sembra dettata da cause molto più complesse di un semplice colpo di fulmine. Dopo aver trascorso due settimane in una villa che Adam sta utilizzando come sua residenza temporanea, il ragazzo sparisce. Mizuki è disperata e si ripromette di aspettarlo in quella villa, ma proprio quando Adam si fa risentire e le propone di fuggire insieme, la vita di Mizuki si interrompe a un bivio...

martedì 5 settembre 2017

J no subete & Barairo no Hoo no Koro

Credo che con questa lettura io abbia recuperato quasi tutti i titoli di Nakamura Asumiko che più mi interessavano, quindi lo potrei considerare un ottimo traguardo nei miei obiettivi da lettrice bradipa!

J no Subete ("A proposito di J") è una serie molto breve (3 volumi), ma difficile da dimenticare. La storia ruota attorno alla sfortunata e magnetica figura di J, una donna trans americana vissuta nel secondo dopoguerra.
Fin da piccola, J ha nutrito una grande ammirazione per la talentuosa Marilyn Monroe, con cui condivide dei bellissimi boccoli biondi. Marilyn è un vero e proprio modello di riferimento nella sua crescita fin dalla più tenera infanzia, quando si intrufolava nei cinema per vedere i suoi film o la imitava cantando al bar davanti agli amici del padre.
La figura del padre è fondamentale nella storia di J, dato che il suo eroe diventa presto il suo carnefice. L'uomo, infatti, dopo aver perso il lavoro si abbandona all'alcool e arriva ad avere un rapporto sessuale con J. La madre però li sorprende...

sabato 2 settembre 2017

Facciamo il punto della situazione!

Ho sempre preferito dedicare i mie post a serie concluse, in modo tale da avere un'idea completa su un dato titolo. Oggi però, giusto perchè mi ero ripromessa di NON fare altre carrellate di titoli, vorrei chiacchierare con voi delle serie manga che sto seguendo al momento ^_^/. Ovviamente non si tratta di commenti particolarmente articolati o recensioni, ma giusto quattro chiacchiere per sapere quali serie state seguendo voi e quali abbiamo in comune! Sono in pari con quasi tutti questi titoli, quindi se si tratta di manga che avete appena cominciato, sappiate che potrebbero esserci spoiler! Ho inserito solo le serie che acquisto e non quelle che seguo in scans (che al momento sono solo: Basara, Totsukuni no Shoujo e Itoshi no Nekokke, mentre altre sono ferme da secoli quindi neanche le conto ç_ç).

mercoledì 30 agosto 2017

Di uomini morti come salmoni e protagoniste fastidiose

Volevo inserire questo romanzo in un altro post di supposte, ma mi rendo conto che forse questo titolo avrebbe monopolizzato troppo la scena!
Il libro in questione si intitola L'uomo che morì come un salmone, romanzo giallo nato dalla penna dell'autore svedese Mikael Niemi, autore che si è occupato anche di poesia e teatro. Per me è un illustre sconosciuto, ma magari per gli appassionati di questo genere o di questa letteratura potrebbe essere un nome importante.
Non ricordo di aver mai letto nulla proveniente dalla Svezia, quindi non so se molte delle caratteristiche di questo romanzo siano imputabili alla cultura di provenienza dell'autore o alla sua individualità, ma fingeremo in questo caso che si tratti della seconda. Se qualcuno di voi è più esperto di me in materia, non esiti a correggermi eventualmente!

lunedì 28 agosto 2017

Death Note made in Netflix - Un teen drama splatter

Contro ogni mia previsione ho visto il nuovo film live action di Death Note (regia Adam Wingard) il giorno della sua comparsa sul catalogo Netflix. Purtroppo.
Il web sarà strapieno di recensioni in merito e probabilmente diranno quasi tutti le stesse cose, ma spero che vi faccia comunque piacere fare quattro chiacchiere anche con me in proposito.

Prima però un breve recap della mia esperienza Death Notiana (non penso di dovervi spiegare cosa sia Death Note, visto che tutti voi che passate di qui leggete manga e state in giro su internet tanto quanto me)! 

mercoledì 23 agosto 2017

Consigli BL per tutti i gusti (più o meno) - Vol. 2

Ecco un secondo appuntamento con i consigli BL non richiesti per tutti i gusti! Ovviamente, come in ogni mia rubrica tramortita che si rispetti, il titolo cambia ad ogni post, perchè non sia mai che io faccia qualcosa di ordinato! :B

➽ Per i lettori e le lettrici che cercano dei titoli per un pubblico maturo, senza però scomodare temi troppo scottanti, vi consiglio questa doppietta di titoli, entrambi scritti e disegnati da un'autrice che ho scoperto da pochi mesi ma che amo già tantissimo: Est Em (ne avevo già parlato QUI).
Ad unire questi due volumi, un colore.
Il primo volume unico della coppia è Yagate, Ao (o Ai) ni Naru (conosciuto in inglese come Here Comes the Blue). Questo titolo si basa su un gioco di parole, dato che  il colore indaco viene chiamato "Ai" che sta anche per "amore" in giapponese). Avevo rimandato il recupero perchè questo volume ci racconta di un amore tra fratellastri, un tema che non rientra tra i miei preferiti, ma Est Em è talmente brava che leggerei la qualsiasi se raccontato da lei! Il rapporto tra i due fratelli ruota attorno al laboratorio artigianale di famiglia, in cui si occupano di tingere di blu i tessuti per i kimono, motivo per cui tutti i membri della famiglia hanno i polpastrelli bluastri.
L'impresa è da anni nelle mani di Kouta, il "fratello" minore, mentre Taisei si è allontanato da casa, incapace di sopportare i sentimenti che prova verso Kouta. Dopo anni di lontananza, però, torna a casa e chiede a Kouta di insegnargli il mestiere. Come si evolverà il loro rapporto?
Quando le tavole
parlano da sole
La storia di per sè non è nè complessa nè particolarmente originale, fatto salvo l'elemento del business di famiglia, ma l'abilità di scrittura di Est Em, sempre pacata ed elegante, ma non per questo distaccata, rende la lettura matura e coinvolgente fino alla fine.
La storia dei due fratelli occupa i primi 6 capitoli del volume, mentre in chiusura ci sono due one shot scollegate tra loro. La prima, che non è Boys'Love, si intitola Swim, Drown, Swim e mostra il rapporto particolare che si viene a creare tra un ragazzo molto timido e insicuro e il custode di una piscina dal tragico passato. La scelta dei personaggi è particolare e la vignetta conclusiva rende molto bene l'atmosfera malinconica e opprimente.
L'ultimo racconto è invece trascurabile: si intitola A Heavy Snowfall ed è una semplicissima storiella slice of life che gioca sul fatto che uno dei due personaggi si chiami Yuki. Davvero nulla di che, ma fatto salvo questo elemento, il volume è promosso con buoni voti! ^_^/